Skip to content
Words Without Borders is one of the inaugural Whiting Literary Magazine Prize winners!
from the September 2016 issue

Tre poesie da “Tattoos”

Kleidleid                                                                              

la stoffa perforata
vuota di carne
coperta di squame
respiro di pelle
non di bocca

ho voluto espirare
un'altra me
fare una A da una E
senza costola
solo coll'ago
delle lettere

sfila questo filo di smarrimento
la linea senza tracce
sciogli le carte antiche
gli spazi bianchi

infilati
ricucimi
sulla prossima pagina

 

[Untitled]

sull'atlante della mia pelle
i vostri nomi
li sento, li canto
con la prima e la seconda lingua
valigie perse che girano
sull'asse
della prima e della seconda spalla
e tutto il passato
in un unico punto

 

Ekdysis                                                                                 

Una squama della tua pelle
in fondo al corridoio
là dove il mare finisce
e nessuno a traghettare
aspetta.

Sarai andato via, sarai mai arrivato
il mare non porta notizie di te o di altri
solo Flaschenpost lingua imbottigliata
a cena, pranzo
a colazione.

Parole sciolte,
parole con la pelle rovesciata
e tutto sa di tappo, di traduzione.

Read more from the September 2016 issue
Like what you read? Help WWB bring you the best new writing from around the world.